Protocollo Itaca

PROTOCOLLO ITACA: SOSTENIBILITÀ ENERGETICA E AMBIENTALE

FINALITÀ
Il Protocollo ITACA è uno strumento di valutazione del livello di sostenibilità energetica e ambientale degli edifici.
Il Protocollo permette di verificare le prestazioni di un edificio in riferimento non solo ai consumi e all’efficienza energetica, ma prendendo anche in considerazione il suo impatto sull’ambiente e sulla salute dell’uomo.

PRINCIPI
Il Protocollo garantisce l’oggettività della valutazione attraverso l’impiego di indicatori e metodi di verifica conformi alle norme tecniche ed alle leggi nazionali di riferimento. Esso presuppone:
• l’individuazione di criteri ambientali che permettono di misurare le varie prestazioni ambientali dell’edificio posto in esame
• la definizione di prestazioni di riferimento (benchmark) con cui confrontare quelle dell’edificio
• la “pesatura” dei criteri che ne determinano la maggiore e minore importanza
• il calcolo del punteggio finale sintetico che definisce il grado di miglioramento dell’insieme delle prestazioni rispetto al livello standard

COLLABORAZIONE ITACA-UNI
Al fine di adeguare i diversi protocolli regionali a norme tecniche nazionali di riferimento, è stata realizzata la Prassi di Riferimento UNI/PdR 13:2015 “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni – Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità”. Protocollo ITACA nazionale 2011 tipologie
• Protocollo ITACA Residenziale
Nuova costruzione e ristrutturazione (UNI/PdR 13:2015)
• Protocollo ITACA Uffici Nuova costruzione e ristrutturazione
• Protocollo ITACA Edifici Commerciali Nuova costruzione e ristrutturazione
• Protocollo ITACA Edifici Industriali Nuova costruzione e ristrutturazione
• Protocollo ITACA Edifici Scolastici Nuova costruzione e ristrutturazione

SOGGETTI INTERESSATI
Il Protocollo ITACA è uno strumento di supporto nella progettazione per i professionisti, di supporto alla scelta per il consumatore, di valorizzazione di un investimento per gli operatori finanziari di controllo e di indirizzo per le pubbliche amministrazioni.

Vantaggi per le Pubbliche Amministrazioni
• Affidabilità ed oggettività nel criterio di scelta dell’offerente
• Maggiori garanzie sulla qualità della progettazione
• Elevate opportunità di risparmio sul lungo termine
• Possibilità di verificare il mantenimento del rating dell’edificio in fase realizzativa
• Doppio livello di verifica

Il 9 luglio 2013 ACCREDIA (Ente Italiano di Accreditamento) sulla base dell’accordo sottoscritto con ITACA, ha approvato il Rego- lamento Tecnico RT-33 recante “Prescrizioni per l’accreditamento degli Organismi di Ispezione di tipo A, B e C ai sensi della norma ISO/IEC 17020:2012 in conformità al Protocollo ITACA” che ha isti- tuito il sistema nazionale di accreditamento e certificazione per l’applicazione del “Protocollo ITACA”.
FINALITÀ
Il Regolamento disciplina il sistema di ispezione nelle costruzioni, svolto in ambito volontario, per le fasi di progettazione (esecu- tiva), realizzazione, ed esercizio, ai fini della valutazione della sostenibilità ambientale in conformità al “Protocollo ITACA”.
Il sistema di ispezione si avvale unicamente degli Organismi di Ispezione (OdI), così come definiti dalla norma ISO/IEC 17020:2012, accreditati da ACCREDIA per le verifiche di conformità al “Protocollo ITACA” ed è pertanto basato sui principi di indipendenza, imparzialità e competenza di chi valuta la conformità della certificazione alle norme di riferimento, assicurando trasparenza ed affidabilita’ tecnica.
Normatempo Italia è un Organismo Accreditato per la verifica delle valutazioni della sostenibilita’ ambientale in conformità al “Protocollo ITACA” come definito dal Regolamento RT33.
Per l’attività di Ispezione l’OdI Normatempo Italia si avvale esclusi- vamente di professionisti qualificati (Ispettori) che rientrano in un apposito elenco pubblicato ed aggiornato sul sito internet di ITACA.
REGISTRO RNPI
Al fine di monitorare i processi d’ispezione, il Regolamento Tec- nico RT-33 ha previsto l’attivazione del Registro Nazionale Pro- tocollo ITACA per il monitoraggio ed il rilascio degli attestati di ispezione. Il RNPI è lo strumento informatico con cui gli Organi- smi di Ispezione
(OdI) gestiscono i dati ed i documenti di ciascuna commessa di verifica; è altresì una piattaforma software che per- mette, anche da parte di Itaca, il monitoraggio e il controllo dei Rapporti di Ispezione emessi dall’OdI e degli Attestati Protocollo ITACA rilasciati dal Registro. Nel RNPI è pubblicato inoltre l’elen- co aggiornato degli Ispettori abilitati e degli OdI accreditati per le verifiche di conformità al Protocollo ITACA.
L’accesso al RNPI è riservato, per la gestione dei processi ispettivi, solo ai referenti degli Organismi di Ispezione accreditati, previo pagamento degli oneri inerenti ai diritti istruttori. È inoltre consentito ad altri utenti l’accesso libero e gratuito per la consultazione dei dati relativi agli attestati emessi.
FASI DEL PROCESSO DI ISPEZIONE
1. Il Committente incarica un professionista Esperto ITACA per la predisposizione della Relazione tecnica di valutazione ITACA, documento tecnico che riporta il valore degli indicatori dei criteri del “Protocollo ITACA”
2. Il Committente presenta formale domanda di Verifica ad un OdI accreditato da ACCREDIA. Alla domanda dovrà essere al- legata la Relazione tecnica di valutazione.
3. L’OdI inserisce la domanda nel “Registro” che, a seguito del pagamento dei relativi diritti di istruttoria, attribuisce a tale processo uno specifico codice univoco di identificazione (CUI), ai fini della tracciabilità e validità delle attestazioni.
4. Al termine della procedura di ispezione l’OdI emette un “Rap- porto Finale di Ispezione” che trasmette al “Registro” per la definitiva Validazione.
5. Il Registro, a seguito della Validazione con esito positivo del Rapporto Finale di Ispezione, emette “l’Attestato Protocollo ITACA” che viene inviato al Committente ed inserito in anagrafica.
Con l’Attestato il Committente dimostra quindi la conformità del progetto (o dell’edificio realizzato) al “Protocollo ITACA”.
COSTI DEL PROCESSO DI ISPEZIONE
I costi orientativi del processo di ispezione sono dati dalle tabelle minime di riferimento pubblicate da ITACA e aggiornate annualmente.

DOWNLOAD ITACA